ALMA CASEUS 2014: SI AGGIUDICA IL PRIMO POSTO IL CASEIFICIO VAL TIDONE DI PIACENZA PER LA CATEGORIA GRANA PADANO DOP

ALMA, Scuola Internazionale di Cucina Italiana conferma il suo ruolo di massima valorizzazione del mondo enogastronomico. E consegna al mondo caseario i vincitori del concorso ALMA Caseus 2014, diretto da Renato Brancaleoni.
Si aggiudica il primo premio per la categoria Grana Padano DOP il Caseificio di Piacenza Val tidone, presentando alla giuria il proprio Grana Padano DOP Maggio 2012.

Il suo lavoro è stato selezionato e giudicato da una commissione tecnica capitanata da Renato Brancaleoni, direttore del concorso, che commenta l’esperienza di ALMA CASEUS 2014 in questo modo:

“Quest’anno abbiamo avuto oltre 400 campioni di formaggio da analizzare, tenendo conto che in finale il concorso ne ha visti 40. Un successo estremamente gratificante con delle note di differenza rispetto agli anni precedenti che riguardano i produttori ed i loro territori di provenienza. Prima erano più spalmati al nord ora più o meno sul tutto il territorio nazionale ma non perché la giuria abbia avuto un occhio diverso, anche perché valuta sulla base esclusiva di numeri senza conoscere la provenienza del prodotto, bensì perché c’è stato un maggiore impegno in coloro che sentivano il bisogno di crescere per conquistare il mercato ed oggi la chiave di volta per farlo è la qualità. Abbiamo riscontrato grandi differenze con grandi qualità. Quindi aumento dei partecipanti e aumento dello standard qualitativo. Eccellenza nella diversità. Infine – conclude - anche il concorso dei professionisti è stato estremamente intrigante, sono aumentate anche qui le richieste di partecipazione. L’unica pecca in questo segmento è che essendo già tutti vissuti nel mestiere a volte danno troppe cose per scontato e infatti i ragazzini di 18 anni delle scuole alberghiere, che rappresentavano l’Italia che va da Benevento a Bergamo, hanno dato dei punti in alcune prove ai seniores, il che vuol dire che non ci è mai permesso di dormire su quello che abbiamo fatto. Bisogna guardare avanti per crescere e per non fermarsi mai.”


Potete leggere il comunicato ufficiale di tutte le premiazioni della manifestazione cliccando qui.

Clicca qui per poter vedere la Rassegna Stampa del Cibus.